martedì 7 febbraio 2012

Place du Carrousel


Place du Carrousel

al tramonto di un bel giorno d’estate

il sangue di un cavallo

ferito e senza redini
scorreva sul lastrico

E il cavallo era la’
ritto immobile

su tre piedi
E l’altro piede ferito

ferito e lacerato
ciondolava.

Proprio a fianco
ritto immobile
vi era anche il cocchiere
e la carrozza anch’essa immobile
inutile, come un orologio rotto.

E il cavallo taceva
il cavallo non si lagnava
il cavallo non nitriva
egli era la’

aspettava

ed era cosi’ bello, cosi’ triste, cosi’ semplice

e cosi’ ragionevole
che non era possibile trattenere le lacrime

Oh
giardini perduti

fontane dimenticate

praterie soleggiate
oh dolore
splendore e mistero dell’avversita’

sangue e bagliori
bellezza percossa
Fraternita’

(Jacques Prévert)

Nessun commento: