lunedì 18 ottobre 2010

La stagione dell'amore tornerà


Ieri sera, sul divano ci sono una spada di gomma piuma, una pistola ad acqua e un pugnale di plastica: mio figlio ha deposto le armi con le quali ha combattuto per tutto il pomeriggio. Alle prime note de' La stagione dell'amore di Battiato, Dodokko assume un'aria ispirata e si mette a ballare come Roberto Bolle. Proprio lui, che non ha mai assistito a un balletto classico, improvvisa coreografie, fa salti e piroette, inventa passi di danza, devo ammettere...armonici.
Poi, distende braccia e schiena in avanti, socchiude gli occhi e prova a cantare, a modo suo: "La stagione dell'amore tornerà / con le paure e le scommesse questa volta quanto durerà. / Se penso a come ho speso male il mio tempo / che non tornerà, non ritornerà più".
Mio figlio balla e canta e, mentre lo fa, mi parla al cuore: molte cose non ritorneranno più, già lo sapevo. Ma tante altre non le lascerò scappare via e questo invece lo so da ieri sera.
Sul divano stamattina ci sono ancora una spada, una pistola e un pugnale, assieme alla mia promessa. Il salone è vuoto, mentre Dodokko dorme ancora, di là nella sua cameretta, nell'ora più bella del sonno.

2 commenti:

sicampeggia ha detto...

Non ti pare che i bambini siano "magici"? E certo, di questi tempi la magia è una cosa che è bene conservare e far vivere.
Quanti bei regali ci fanno i nostri bimbi.

Cristiano Camera ha detto...

Ce ne fanno in ogni occasione: prova a guardarli negli occhi, appena puoi, più a lungo del solito...è una vera magia.